C’è ancora spazio per guadagnare due soldini con un blog?

  • Sharebar

Un’amica di Italiansinfuga mi scrive:

Ti volevo chiedere un parere. Dato che per ora il lavoro si fa attendere e data la difficoltà nel reperire le informazioni burocratiche quando si arriva in Germania, (e in particolare per quanto mi riguarda qui a Monaco) pensavo di mettere su un Blog che raccolga tutte queste informazioni. Una cosa fatta bene, con una parte introduttiva, poi i diversi argomenti divisi per tematica (registrazione residenza, assicurazione sanitaria, targare l’auto, cercare casa ecc.). Potrei inserire anche delle rubriche sul tempo libero (cosa fare, ricette tradotte in italiano, corsi, ecc.).
Collegamenti a siti utili di uffici in loco, numeri di emergenza ecc.
Pensavo che se poi con il tempo gli accessi vanno bene, potrei iniziare con Adsense…e vedere come butta. Tu che mi consigli? C’è ancora spazio per guadagnare due soldini con questo tipo di attività? Non pensavo a grossi ricavi, ma al minimo per una vita dignitosa.

In base alla mia esperienza di cinque anni di Italiansinfuga, devo metter in guardia chi voglia iniziare un blog con l’obiettivo di monetizzare ad un livello tale da raggiungere “una vita dignitosa”.

Quello che sto facendo adesso è successo (quasi) per caso.

Io ho iniziato Italiansinfuga nel 2008 ma senza obiettivi specifici di farne la mia professione principale.

Il blog è poi cresciuto permettendomi di dedicarmici a tempo pieno.

Dal punto di vista prettamente razionale ed economico però avrei fatto meglio ad andare a lavorare presso McDonald’s.

Se calcolassi tutte le ore che ho passato a costruire Italiansinfuga ed il ricavo economico che ne ho ricevuto, razionalmente non lo avrei fatto e non lo rifarei.

Ripeto, il guadagno orario è basso soprattutto se confrontato con quello che guadagnavo una volta.

Avendo iniziato nel 2008 ho avuto il vantaggio di non avere lo stesso livello di concorrenza che esiste al giorno d’oggi.

Penso quindi che creare oggi un blog dedicato a chi sta pensando di andare all’estero sia da elogiare ma non da consigliare se l’obiettivo è quello di viverci sopra.

Questo è soprattutto valido se si vuole creare un blog molto focalizzato su una particolare nazione o addirittura su una città. Il traffico risulterà minore e i guadagni inferiori di conseguenza.

I guadagni Adsense aiutano a pagare le spese di gestione del blog (quando va bene) ma non consentono di vivere.

Quello che consiglierei è di considerare il blog come uno strumento di marketing per attività collaterali anch’esse mirate ai nostri connazionali.

Ad esempio, per promuovere corsi di lingua in loco oppure agenzie di ricerca casa.

In questo caso il blog è un’ottima idea ma il guadagno principale arriverebbe dall’altra attività.

Biografia dell'Autore

Aldo Mencaraglia è nato a Genova ed è cresciuto in provincia di Cuneo. A 19 anni è partito per studiare in Inghilterra e non è più tornato. Ha lavorato in Gran Bretagna, Cina e Taiwan e dal 2002 vive a Melbourne, Australia. Nel 2008, per condividere la sua esperienza con quanti sognano di cambiare vita, ha aperto italiansinfuga.com. Nel 2011 ha aperto Italiansinfugadigitale.com per condividere tutto ciò che ha imparato su come creare un blog.

Commenti (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Sono d’accordo con la conclusione dell’articolo. Un blog puo’ essere uno strumento per scopi differenti, ma aprire un blog con la mira specifica di monetizzarci è un’operazione molto difficile.

  2. Elisabetta scrive:

    Anch’io sono d’accordo con Aldo. Monetizzare con il proprio blog è molto difficile, oggi, proprio per la grande concorrenza che ormai impazza sul web. Di solito si inizia per passione, per condividere, per aiutare chi sta cercando di fare il nostro stesso cammino. E poi, cammin scrivendo, si comincia a scegliere una nicchia di riferimento, guardando alle esigenze di chi ci legge, ai commenti, alle richieste che ci vengono fatte via email. Non è facile mantenere vivo l’entusiasmo, bisogna volerlo dedicandoci anima e corpo, e tante ore della propria giornata. Solo dopo si può pensare a collegare al blog un’attività di marketing mirata a chi ci segue.

Rispondi a Elisabetta




Se vuoi mostrare una tua immagine di fianco ai commenti, crea un Gravatar.