Quando pubblicate qualcosa on-line pensate al futuro dei vostri nipoti

  • Sharebar

Con la proliferazione di opportunità per la pubblicazione da parte di individui di contenuti on-line, aumentano le possibilità di creare un futuro difficile per i posteri.

Per quanto questo possa sembrare ridicolo, pensateci un attimo…

Prima del 1995 circa, la maggior parte delle cose che dicevamo sarebbero andate perdute, non lasciando alcuna traccia di sé.

Il commento che si faceva tra amici durante la serata al bar molto probabilmente sarebbe stato dimenticato nel giro di poche ore.

Di conseguenza l’impatto a lungo termine del nostro comportamento era relativamente minimo.

Al giorno d’oggi invece quello che scriviamo o postiamo on-line rimane negli annali e probabilmente sarà disponibile per la consultazione dei nostri figli e dei nostri nipoti.

Questo può diventare un problema per loro a seconda di come voi vi esprimiate.

Non voglio assolutamente suggerire di non esercitare la propria libertà di espressione e opinione bensì voglio suggerire di pensarci un attimo prima di comportarsi in un certo modo su Internet.

Se volete esprimere un commento derogatorio nei confronti di qualcun altro, fatelo ma prendendovi la responsabilità di sapere che questo rimarrà come “testamento” del vostro comportamento consultabile dai posteri.

Tutto quello che scrivete e pubblicate su Internet rimarrà disponibile e facilmente rintracciabile grazie al miglioramento continuo dei motori di ricerca.

Non solo voi verrete giudicati per quello che avete scritto ma anche i vostri figli e i vostri nipoti. Se pensate che sia difficile essere rintracciati anche usando profili anonimi o comunque non “ufficiali”, state sicuri che non è troppo difficile identificarvi.

Inoltre l’amico di oggi su Facebook domani potrebbe rivelarsi qualcuno del quale non fidarsi dopo che ha reso pubblica una vostra conversazione privata.

Il mio consiglio è quello di pubblicare solo pensieri dei quali siete fermamente convinti e che vi consentiranno di avere la coscienza pulita in futuro. Questo non vuol dire evitare di pubblicare qualsiasi opinione anche un po’ “forte” ma fatelo soltanto se siete assolutamente in grado di gestire il feedback negativo da parte delle generazioni future.

Vi esprimete liberamente su internet o vi ponete limiti?

Biografia dell'Autore

Aldo Mencaraglia è nato a Genova ed è cresciuto in provincia di Cuneo. A 19 anni è partito per studiare in Inghilterra e non è più tornato. Ha lavorato in Gran Bretagna, Cina e Taiwan e dal 2002 vive a Melbourne, Australia. Nel 2008, per condividere la sua esperienza con quanti sognano di cambiare vita, ha aperto italiansinfuga.com. Nel 2011 ha aperto Italiansinfugadigitale.com per condividere tutto ciò che ha imparato su come creare un blog.

Scrivi un commento




Se vuoi mostrare una tua immagine di fianco ai commenti, crea un Gravatar.