I fattori più importanti per la SEO nel 2013

  • Sharebar

Searchmetrics ha condotto uno studio per identificare i fattori principali delle pagine Web che si classificano meglio su Google.

Attraverso l’analisi di 10.000 parole chiave, lo studio identifica la correlazione tra i diversi fattori ed il posizionamento di una particolare pagina nei risultati forniti dal motore di ricerca californiano.

L’edizione 2013 risulta essere un aggiornamento dell’edizione del 2012, fornendo così utili indizi sul cambiamento di importanza nel tempo dei vari fattori nella considerazione da parte di Google.

Searchmetrics sottolinea che correlazione non significa causalità.

Un alto punteggio di correlazione da parte di un singolo fattore non significa necessariamente che questo determini la valutazione da parte di Google.

Gli algoritmi del motore di ricerca sono segreti e difficili da identificare.

Resta il fatto che lo studio mette in evidenza quelli che sembrano essere i fattori più importanti per ottenere una buona visualizzazione sui risultati di ricerca.

Anche quest’anno, i segnali ‘social’ si trovano in cima alla classifica di tutti i fattori presi in considerazione. La condivisione di un contenuto Web attraverso Google+, Facebook, Twitter e Pinterest è il fattore maggiormente correlato al successo di una pagina all’interno di Google.

La condivisione tramite Google+ sembra essere un fattore particolarmente importante, soprattutto considerando che l’anno scorso era quasi inesistente.

Seguono poi i fattori legati ai link da parte di siti Web esterni. Uno dei fattori storici per la creazione di siti Web premiati da Google rimane un pilastro anche al giorno d’oggi.

I fattori “interni” relativi alla costruzione di una pagina, come ad esempio le parole chiave all’interno della pagina stessa stanno perdendo di importanza. L’approccio storico un po’ meccanico all’inclusione di parole chiave all’interno di contenuti sta perdendo di importanza a favore della naturalezza dei contenuti, quelli pensati in particolar modo per il lettore.

Interessante poi la previsione secondo la quale il numero di condivisioni attraverso Google+ sorpasserà il numero di condivisioni attraverso Facebook durante febbraio 2016…

Riassumendo, i criteri usati da Google per valutare una pagina sembrano orientarsi sempre di più verso la “socializzazione” dei contenuti e la scrittura degli stessi con in mente il lettore piuttosto che l’ottimizzazione di parole chiave.

Cosa ne pensate?

Biografia dell'Autore

Aldo Mencaraglia è nato a Genova ed è cresciuto in provincia di Cuneo. A 19 anni è partito per studiare in Inghilterra e non è più tornato. Ha lavorato in Gran Bretagna, Cina e Taiwan e dal 2002 vive a Melbourne, Australia. Nel 2008, per condividere la sua esperienza con quanti sognano di cambiare vita, ha aperto italiansinfuga.com. Nel 2011 ha aperto Italiansinfugadigitale.com per condividere tutto ciò che ha imparato su come creare un blog.

Commenti (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Pascal scrive:

    penso che imparare il mio futuro lavoro, il SEO, non sarà facile, ma è giusto così

Scrivi un commento




Se vuoi mostrare una tua immagine di fianco ai commenti, crea un Gravatar.