Google ci spiega come funziona la ricerca

  • Sharebar

Google ha creato un mini sito che aiuta a capire le basi della ricerca.

Questo è importantissimo per chi vuole fare il blogger perché la maggior arte del traffico verso il vostro blog probabilmente arriverà da motori di ricerca.

Il sito spiega quindi le basi di come Google lavora nel contesto delle ricerche con parole chiave.

Anche per chi ha dimestichezza con come funziona internet è sempre utile rinfrescarsi la memoria su aspetti basilari ma importanti.

Google ci spiega che la prima fase di lavoro riguarda il ‘crawling’ e ‘indexing’.

Il web è attualmente composto da 30 trilioni di pagine web e continua a crescere.

I suoi robot visitano tutto il web e lo indicizzano seguendo i link da una pagina all’altra.

Nel frattempo altre informazioni pertinenti vongono incorporate nell’indice come, ad esempio, il testo di milioni di libri, Google Street View e come i vari pezzi di informazione sono collegati all’interno del Knowledge Graph.

Dopodiché Google ordina le varie pagina a seconda del loro contenuto e di tutti questi altri fattori.

Il database che contiene l’indice contiene informazioni è enorme, un totale di 100 milioni di gigabytes.

A questo punto Google crea programmi e algoritmi per filtrare velocemente ed in modo accurato l’indice in base alle parole chiave da voi inserite nella casella di ricerca.

Gli algoritmi ad esempio cercano di capire meglio cosa voi intendiate.

Vengono così implementate alcune tecniche come, ad esempio, la correzione automatica dell’ortografia e il completamento automatico del vostro inserimento parole chiave all’interno di diversi tipi di ricerca (testo oppure immagini).

I risultati vengono poi classificati in base alla qualità della pagina e del sito che la contiene; alla “freschezza” della pagina, intesa come data di pubblicazione; il contesto di ricerca da parte dell’utente.

In totale oltre 200 fattori diversi che aiutano Google a decidere come presentarvi i risultati.

La visualizzazione dei risultati può poi prendere forma diversa a seconda della piattaforma che state usando (PC oppure smartphone) e diverse modalità all’interno di una pagina risultati.

Il tutto in meno di 1/8 di secondo…

L’ultima sezione riguarda la lotta allo spam.

La maggior parte dello spam viene eliminate automaticamente. Per contenuti sui quali esiste ancora qualche dubbio, Google utilizza il lavoro manuale di persone che giudicano la pagina in questione.

Biografia dell'Autore

Aldo Mencaraglia è nato a Genova ed è cresciuto in provincia di Cuneo. A 19 anni è partito per studiare in Inghilterra e non è più tornato. Ha lavorato in Gran Bretagna, Cina e Taiwan e dal 2002 vive a Melbourne, Australia. Nel 2008, per condividere la sua esperienza con quanti sognano di cambiare vita, ha aperto italiansinfuga.com. Nel 2011 ha aperto Italiansinfugadigitale.com per condividere tutto ciò che ha imparato su come creare un blog.

Scrivi un commento




Se vuoi mostrare una tua immagine di fianco ai commenti, crea un Gravatar.