Le ultime sull’uso dei Social Media a livello globale

  • Sharebar

Globalwebindex ha pubblicato i risultati del più recente ‘Globalwebindex: Social Platform Adoption Trends – September 2012‘, il sondaggio sull’uso dei social media a livello globale.

Il sondaggio viene effettuato intervistando 150 mila utenti internet con età dai 16 ai 64 anni e residenti in 31 nazioni, un campione che rappresenta l’87% degli utenti internet a livello globale.

Gli ultimi dati si riferiscono al secondo trimestre del 2012.

I 10 social media più utilizzati al mondo sono:

  1. Facebook
  2. Google+
  3. Qzone (Cina)
  4. Sina Weibo (Cina)
  5. Tencent Weibo (Cina)
  6. Twitter
  7. Ren Ren (Cina)
  8. Kaixin (Cina)
  9. Linkedin
  10. 51.com (Cina)

Facebook viene usato da più del 40% della popolazione di internet globale mentre la Top 10 è dominata dalle piattaforme sociali cinesi grazie al loro uso da parte di un altissimo numero di utenti in Cina.

Per quello che riguarda Facebook, viene estimato che più di 200 milioni di utenti (circa il 20% di iscritti) non l’abbiano visitato nel mese precedente il sondaggio.

La percentuale è ancora più alta per Twitter: quasi il 40% degli utenti non ha visitato il servizio durante l’ultimo mese.

Le caratteristiche demografiche degli utenti sono influenzate, a livello globale, dal maggiore uso di internet da parte degli uomini.

Fatta eccezione per Pinterest, gli uomini costituiscono la maggioranza di utenti per Facebook (56%); Twitter (62%); Google+ (64%) e Linkedin (65%).

In mercati più maturi dove l’uso di internet riflette maggiormente la composizione demografica della popolazione generale (ad esempio gli Stati Uniti), le donne rappresentano la maggioranza di utenti su Facebook.

Pinterest invece ha una presenza femminile indubbiamente superiore, attualmente pari al 54%.

Dal punto di vista della tecnologia usata per accedere ai social media, il PC la fa ancora da padrone.

Gli utenti che accedono a Facebook solo tramite il PC costituiscono il 60% del totale mentre questa cifra scende al 52% per Twitter e al 50% per Google+.

L’uso esclusivo di tecnologie ‘mobile’ (tablet e/o smartphone) è superiore per Google+ (12%); è il più basso per Twitter (2%) mentre tocca il 5% per Facebook.

Questi ultimi dati dovrebbero essere di conforto per Facebook in quanto la minore redditività pubblicitaria della tecnologia mobile non sembra impattare (per adesso) in maniera eccessiva i propri introiti pubblicitari.

Biografia dell'Autore

Aldo Mencaraglia è nato a Genova ed è cresciuto in provincia di Cuneo. A 19 anni è partito per studiare in Inghilterra e non è più tornato. Ha lavorato in Gran Bretagna, Cina e Taiwan e dal 2002 vive a Melbourne, Australia. Nel 2008, per condividere la sua esperienza con quanti sognano di cambiare vita, ha aperto italiansinfuga.com. Nel 2011 ha aperto Italiansinfugadigitale.com per condividere tutto ciò che ha imparato su come creare un blog.

Scrivi un commento




Se vuoi mostrare una tua immagine di fianco ai commenti, crea un Gravatar.