Le tre statistiche da tenere d’occhio per blogger in erba

  • Sharebar

Le statistiche possono aiutare un blogger in erba a capire se il proprio lavoro viene apprezzato.

Premetto dicendo che per 15-20 anni ho lavorato come analista in quello che era il mio”vero”lavoro.

Ciò significa che ogni giorno ho lavorato con statistiche e fogli elettronici excel divertendomi un sacco e dando sfogo alla mia propensione per i numeri.

Quando ho iniziato a fare il blogger mi è venuto naturale analizzare la prestazione del blog attraverso statistiche varie.

Al giorno d’oggi ciò è facilissimo grazie a servizi gratuiti quali Google Analytics e anche coloro che non hanno una particolare predisposizione per le statistiche possono trarre un enorme vantaggio dal loro utilizzo.

Perché uno dovrebbe porre attenzione ai numeri relativi al proprio blog?

Se scrivete per diletto allora potete farne tranquillamente a meno ma se avete una minima intenzione di creare un business allora consiglio vivamente di seguire le statistiche vitali del vostro blog per capire se sta procedendo nella direzione desiderata.

Quali sono le statistiche più importanti da tenere in considerazione?

Agli inizi sono soprattutto quelle relative al traffico. Quando iniziate e non avete neanche una visita al giorno, qualsiasi incremento di visitatori vi renderà felici.

Il numero di visite al giorno è quindi una delle statistiche importanti per chi inizia. Non preoccupatevi troppo se il numero di visitatori è basso, soprattutto agli inizi. È possibilissimo che Google stia ancora cercando di “capire” l’argomento principale del vostro blog e di conseguenza cambi la vostra presenza all’interno del motore di ricerca.

Dopo alcuni mesi però si spera che il numero di visitatori cresca in modo relativamente costante.

Io consiglio di analizzare questo dato su scala mensile. Controllate quindi se il numero di visite di aprile era superiore, ad esempio, al numero di visite di marzo.

Se il numero si rivela inferiore, non mi preoccuperei più di tanto. Italiansinfuga ha avuto mesi (anche due o tre) dove il traffico scendeva per poi riprendersi all’improvviso al quarto o quinto mese con un salto significativo dovuto prevalentemente a una re-indicizzazione da parte di Google.

La seconda statistica che, secondo me, è da tenere d’occhio riguarda il numero di visitatori che ritorna. Indipendentemente da quanti visitatori trovano il vostro sito per la prima volta, la qualità dello stesso viene votata da parte del pubblico con il ritorno giorno dopo giorno, settimana dopo settimana e mese dopo mese. Se il numero di visitatori che ritorna cresce in modo continuo, significa che state producendo un qualcosa di qualità che viene apprezzato dai vostri lettori.

Questo è uno dei messaggi più forti che potete ricevere da parte di chi legge i vostri contenuti.

La terza statistica tengo d’occhio riguarda il numero di persone iscritte alla mia e-mail newsletter.

La newsletter è uno dei metodi principali per assicurare un flusso continuo di visitatori verso il vostro blog. La crescita del numero di iscritti è quindi uno dei fattori principali che assicureranno il successo a lungo termine del vostro blog. Si tratta di tenere d’occhio quanti nuovi iscritti ottenete al giorno (o alla settimana) e controllare che il numero di persone che cancellano la propria iscrizione non stia raggiungendo livelli eccessivi.

Di nuovo, queste cifre indicano cosa il pubblico pensa della qualità dei vostri contenuti. Se continuate a pubblicare contenuti di alta qualità dovrebbe esserci una crescita costante delle persone che scelgono di seguirvi attraverso la vostra newsletter.

Il consiglio con il quale vorrei chiudere è quello di non farvi “ipnotizzare” dalle statistiche. Può essere fin troppo facile controllarle ogni giorno, magari più volte al giorno, ed essere così distolti dal vostro compito principale: pubblicare contenuti di alta qualità.

Italiansinfugadigitale consiglia Bluehost per ospitare e gestire il vostro blog!

Biografia dell'Autore

Aldo Mencaraglia è nato a Genova ed è cresciuto in provincia di Cuneo. A 19 anni è partito per studiare in Inghilterra e non è più tornato. Ha lavorato in Gran Bretagna, Cina e Taiwan e dal 2002 vive a Melbourne, Australia. Nel 2008, per condividere la sua esperienza con quanti sognano di cambiare vita, ha aperto italiansinfuga.com. Nel 2011 ha aperto Italiansinfugadigitale.com per condividere tutto ciò che ha imparato su come creare un blog.

Scrivi un commento




Se vuoi mostrare una tua immagine di fianco ai commenti, crea un Gravatar.